AUZATE 07/02/2016

DOMINANO I BORINI E I BALLINI

ANCHE AD AUZATE DOMINANO LE FAMIGLIE BORINI & BALLINI

 

Sotto un diluvio di acqua e nevischio che ha inzuppato all’invero simile tutto lo spettacolare percorso, s’è chiusa la stagione del Master Palzola dei record. Settanta irriducibili guerrieri  si sono presentati, per nulla intimoriti dal maltempo, al cospetto della Filippini Family  per  ribadire in calce che quando il gioco si fa duro i duri cominciano a giocare, gli altri giocano con la play station o vanno all’Ikea. Giulio Moretti, patron organizzatore dello  storico evento, era davvero preoccupato e, per l’incolumità dei partecipanti,  pensava di togliere la discesa con annessa scalinata ma, un po il buon senso e un po le rassicurazioni di chi scrive e di Massimo Valsesia  lo hanno convinto, in fondo  chi corre usa anche la testa, oltre ai freni  e sanno spostare il baricentro sul carro posteriore della bici per evitare  … cappottamenti. La gara, con partenza unica, è stata bella da morire e ha confermato ancora una volta la netta supremazia delle due famiglie d’Italia più titolate a livello amatoriale,  quella dei Borini e dei Ballini, che non si sono accontentati di razziare titoli e campionati ovunque hanno corso, ma hanno voluto scrivere ancora una volta i loro nomi in cima alla lista dei vincitori. Orlando Borini ( veterani) ha fatto quello che ha voluto sul suo compagno di squadra Ivano Favaro e Fabrizio Borella e Angelo Borini ( gentleman) su Virginio Pinato e Corrado Cottin mentre i Ballinetor hanno dominato con lo Junior Manuel  su Marco Barilari e il terribile Bum Bum Simone (Debuttante) sui volitivi Jacopo Barbotti e Biagio Borella. Non pensiamo di sbagliare se affermiamo che il Senior Francesco Barbazza ha corso la miglior gara dell’anno in virtù di una capacità di sostenere un ritmo potente e costante trovandosi a proprio agio nella … piscina di Auzate dove anche  l’esperienza e l’intelligenza del navigato Paolo Bravini hanno dovuto soccombere. Buon terzo posto per  Mauro Benetello. Ma quanto hanno sofferto le otto donne al via? Eppure erano lì a lottare, principalmente con se stesse, poi , già che c’erano fra di loro! Bella la lotta fra la navigata Cristina Cortinovis (Donne A) e la più giovane , Lauretta Vecchio alla sua prima esperienza nel fango assurdo e per metà gara è stata brava a tenere  la  scatenata Cristina , poi , un po per inesperienza e un po per un urto involontario con un’avversaria in fase di sorpasso l’ha tolta di mezzo e per Cristina è stato un gioco da ragazzi incarnare nel migliore dei modi lo spirito del ciclismo duro e puro, quello che ti infanga in ogni poro ma ti lascia immacolato nell’anima, esperienza che hanno  provato anche Silvia Bertocco , Rossi Lucia,  Paola Cantamessa ( vincitrice fra le donne “B” ), Patrizia Caimi, Clara Perletti ed Elisa Remuzzi che hanno portato a termine  una missione più che una gara. Nulla di nuovo sul fronte super “A”, cambia l’orchestra ma non il cantante che intona sempre la stessa canzone. Stiamo parlando di Lucio Pirozzini  che canta come un usignolo e vittoriosamente da oltre 123 gare consecutive e ad Aldo Allegranza e Giannino Succo non resta che fare il coro. Discorso diverso fra i super “B”  dove a vincere sono in tanti. Oggi è toccato al rientrante Mario Cerri, che prima non voleva partire se non toglievano la scalinata e poi la domina da par suo su Matteo Petrucci e Walter Ricci, mhà, valli a capire sti terribili vecchietti! Chiude la saga delle vittorie il promettentissimo primavera Fabrizio Ricci che coni suoi amici di squadra Franco Specchia e Alessandro Tonati stanno rinvigorendo la categoria spronati da Max Curio che li ha presi in custodia.  Termina la gara e finalmente il Pres. Giulio Moretti  può … sciogliersi e dopo aver ricevuto applausi e incoraggiamenti da tutti,  al microfono di Gianluca Caputo e con la voce rotta dall’emozione, ha parole dolcissime per la sua famiglia che da una vita lo asseconda e lavora per la riuscita delle sue iniziative, e quando nomina la famiglia Borini si commuove davvero: “Senza di loro – dice convinto - non avrei potuto fare un evento del genere, li ringrazio di cuore, e con loro anche Massimo Valsesia e Franco Bertona, hanno la forza e il coraggio dei campioni e inoltre sono impregnati di passione che sanno esprimere con la semplicità tipica delle belle persone, ecco il segreto delle nostre iniziative, grazie anche ai miei sponsor che nonostante i tempi grami ci stanno vicini, li voglio nominare uno ad uno: M.R.G., Intercom, Nino Gomme, Cicli Tartaggia, Sabbiature Vibo, Fausto Ferrini e olio Vezza ”. Termina la gara con premi per tutti e vestizione dei campioni provinciali e per chiudere in bellezza Moretti  usa delicate parole anche per chi scrive per l’opera di convincimento, non solo nel non spostare la gara a data da destinarsi  ma anche a tenere inalterato il percorso con la storica discesa e la spettacolare scalinata che ha … ammazzato tutti, daccordo,  ma ha forgiato nuovi terribili amatori che ritroveremo il prossimo anno.

CARMINE CATIZZONE 

AUZATE 7-02-2016AUZATE 7-02-2016 [3.262 Kb]