BORGO D'ALE 27-09-2015

REBESCHI E CERRUTO SUGLI SCUDI

REBESCHI , UNA GIORNATA DA … CERRUTO

 

Un premio meritato per tutto il duro lavoro, con l’idea fissa di vincere una gara del master a tenergli compagnia. Questo è il fermo immagine che le numerose reflex immortalavano non  appena il veterano Mauro Rebeschi saliva da vincitore sul podio all’ultima prova MB Marcello Bergamo Cup corsa a Borgo D‘Ale dopo aver dominato e rifilato ben 59 secondi al federale Christian Perra e quasi tre a Paolo Bruno, insomma , una giornata alla Carmelo Cerruto, suo capitano nella formidabile HR Team , il quale, ci ha abituati ad exploit  di livello e anche ieri non solo ha dominato su Claudio Luccardini e Luigi Leo  ma, ha anche realizzato il miglior tempo assoluto che il nostro tecnico informatico zio Poletti ha stampato in 1h, 22’ e 15’’!

Un altro amatore che ha saputo esprimere al meglio tutto il suo potenziale sull’impegnativo percorso  di Borgo è stato lo junior Alessandro Fumagalli che , incitato a gran voce dalla sua bimba e moglie, chiarissimi connotati della dinastia dei Walser, ha imposto la sua legge ad Alessandro Tonello, Luca Anastasi e a tutto il condominio. Un altro amatore che non passa mai inosservato è il senior  Denis Cocon che ha recitato un autentico monologo iniziato già allo start esibendosi  poi  in una recita perfetta obbligando Luca Cuffia e Richy Ornaghi al ruolo di comprimari.

Bella , entusiasmante e convincente la prova del debuttante ed enfant  du pais Gianmarco Perini, discepolo di Gianni “caterpillar” Riconda che , commosso, lo abbraccia non appena piomba con oltre due minuti di vantaggio sui tappeti elettronici della champion chip, gli stessi che certificano la netta supremazia di Roberto Davò, tesserino da super “A” e cuore da vent’enne che si permette di battere, e nettamente, il capoclassifica e dominatore del master Aldo Allegranza, più attardati Gianni Giacchetti e Gaetano Sartor.

Nulla di nuovo sul fronte  ... veci Super “B”, troppa la superiorità di Lucio Pirozzini, a questo punto bisogna trovare un sistema , magari poco ortodosso come quello di far cadere  trenta gocce di Gutalax nel caffè , per  tentare di fermarlo. Per la cronaca i battiti risultano Gianni Roncon, Franco Bertona e Matteo Petrucci, mica gente da poco.  Le pedalate rosa registrano il rientro della fenomenale Serena Mensa  che ha subito dimostrato di essere  guarita dall’incidente alla gamba e s’è ripresa subito il suo  posto al sole battendo la portoghese e pluri vincitrice Ana Isabel Costa Pinto  e la bellissima madamoiselles  Linda Babris  mentre fra la donne “B” è stata una guerra in famiglia fra Monica Grendene che non ha avuto rispetto per la sua presidente e amica Daniele Cornale. Altra bella ed esaltante vittoria quella del primavera 2  Simone Ballini  che con le sue scorribande ha esaltato il suo potenziale battendo Matteo Revelchione e Fabrizio Ricci mentre fra i più piccini primavera 1 è Mattia Birocchi che battendo il suo compagno di squadra Fabio Ramponi regala una bella soddisfazione a Patron Bogianchini.

Bella , simpatica e allegra la premiazione che Gianni Riconda ha organizzato nella piazzetta della chiesa con tanto di campane che suonavano a festa , sembrava il giusto tributo ad un master come il nostro che ancora una volta ha fatto divertite tanta gente, soprattutto quelli che come noi credono in un’altra idea di sport, bello, sereno, pulito e solidale.

 

CARMINE CATIZZONE