CAVAGLIA DI BREIA

MASSIMO ROVARI ... SUPERSTAR

 CAVAGLIA DI  BREIA


17à PROVA MASTER


SPORT & SPORT

 

La  3à edizione del trofeo Valsesiano di MTB è stata accolta dalla piccola frazione di Breia  con entusiasmo e tanta professionalità.

Il generosissimo gruppo di ragazzi della Pro Loco” Le 3 Cavaglie”  con la preziosa collaborazione di Claudio Zanghirati  ha messo a disposizione dei 75  ragazzi (purtroppo pochi ) che hanno creduto nella manifestazione , un percorso impeccabile,  nonostante i capricci meteorologici delle ultime ore.

Fin dai primi arrivi dei concorrenti si sono raccolti commenti positivi, soprattutto dagli amanti della vera Mountain Bike e non…… della city Bike.

Questo tracciato, merita in futuro, di diventare teatro di manifestazioni ben più importanti”.

E’ da questi ottimi presupposti che si dovrà partire per programmare le manifestazioni  future .

In percorsi di questo genere, la forma fisica , la tecnica e la padronanza del mezzo sono fondamentali, proprio a Cavaglia il rientrante  Cadetto Luca Camarella non lascia spazio a dubbi sulla sua condizione, e staccando il miglior tempo assoluto , relega il più vicino pretendente Mattia Pansarasa ad oltre 5 minuti  seguito da un generoso Daniele Giustina che si deve però accontentare del terzo gradino del podio.

Il Team Locca, in questa giornata, trova un nuovo aspirante campione, il suo nome è Massimo Rovari che sale alla ribalta dei Senior con il secondo tempo assoluto ed una prestazione maiuscola ( dovuta forse ad una ottima zuppa di cipolle) che gli ha permesso di domare un fortissimo compagno di squadra come Guglielmo Broglio , chiude il podio il biellese Andrea Marcello.

La categoria più numerosa e più agguerrita, quella dei Veterani ,oggi si è visto primeggiare con uno strapotere allarmante, il furetto Carmelo Cerruto, il suo più tenace rivale , autonominatosi “primo degli umani “ si è ben accontentato del posto d’onore davanti a Gianluca Coda Fatin che giunge terzo ma quando il “Caw Boy” aveva già ritirato il cavallo.

L’amico di casa Andrea Perini nonostante una buona conoscenza del percorso non è riuscito a salire sul gradino più alto conteso dal ternatese Diego Salmoiraghi che vince lasciando solamente al terzo posto un generoso e dolorante Giorgione Rusca non troppo a suo agio oggi sui pendii valsesiani.

Il Gentleman Luciano Pomella domina la categoria prevalendo su avversari del calibro di Roberto Gallone e Silvano Iseppato che chiudono la gara nell’ordine.

Non ci sono invece più parole per descrivere le prestazioni fornite da un givanotto di nome Lucio Pirozzini che quando incontra qualcuno durante la sua cavalcata trova anche la forza di incitarlo e pilotarlo, come un vero Super A dovrebbe fare . Gli ottimi Garlaschè e Bertona possono solo constatare la sua presenza per averlo visto alla partenza.

Ambrogio Temporiti è secondo me un uomo senza età che vaga per i sentieri, chissà da quanti anni , ed è proprio li che trova l’elisir di giovinezza che gli trasmette un energia fuori del comune che si percepisce solo ad incrociare il suo sguardo. Questo sguardo i suoi diretti avversari Bellotti e Moretti  lo incrociano solamente quando sfiniti tagliano il traguardo mentre lui è già bello che lavato e stirato.

Bellissima gara è stata anche quella dei Primavera che si sono dati battaglia fin dalle iscrizioni per poter godere di un percorso più lungo e divertente che permettesse di sfogare tutta l’energia che la giovane ètà merita di esprimere, ed è così che un orgoglioso Alberto Barengo è riuscito a prevalere  su di un rivale agguerrito come Alessandro Viaretti che ha preceduto il suo compagno di squadra Edoardo Loggia; nei cuccioli invece il grande Gabriele Miazza ha preceduto i due Iride Biagio Borella e Jacopo Barbotti.

Nota dolente l’assenza di donne A che hanno snobbato gli sforzi organizzativi che i play boy di Cavaglia che avevano riservato loro con un trattamento veramente speciale……. Pazienza sarà per il prossimo appuntamento.

Di questo speciale trattamento sono state comunque testimoni le 3 ragazze della categoria B che hanno visto primeggiare una splendida Angela Agazzone davanti a Monica Grendene e ad una encomiabile ed inossidabile Clara Perletti.  Nei debuttanti……. “poca brigata e vita beata” ma solo per le posizioni,restano comunque stampate due ottime prestazioni di Jack Cavalieri e Filippo Negro.

Un grosso ringraziamento va sicuramente alla Pro loco, all’ instancabile papà Zanghirati , agli amici della CRI di Borgosesia ed a tutti coloro che hanno contribuito all’ottima riuscita della manifestazione.

  - Franco Mango -