CERRO MAGGIORE 7-4-2019

TACCHINARDI,BIELLA E ROCCA NEL NOME DI ANGELO GIZZI

TACCHINARDI,BIELLA E ROCCA NEL NOME DI ANGELO GIZZI

Diciamolo subito forte e chiaro: non siamo professionisti dell’informazione, ne  fotografi di prestigio  e tanto meno  registi in carriera! Siamo semplicemente un gruppo di amatori ciclisti  che condividono la stessa passione, quella per la bicicletta a 360°, una passione che spesso ci porta ad esaltare valori che non tramontano mai come quello dell’amicizia e della condivisione cui l'indimenticato Angelo Gizzi era un apostolo.  Questo forte spirito di gruppo e senso di rispetto per le persone che contano e che hanno lasciato un segno indelebile nel cuore di tutti, è stato esaltato con parole semplici da chi scrive al momento delle premiazioni  e il messaggio è arrivato forte e chiaro al cuore di tutti, tanto che la Sig.a Piera, vedova Gizzi, è stata presa da un nodo alla gola che non le consentiva di parlare e allora il compito di ringraziare quanti si solo prodigati nella riuscita dell’8° Memorial e prova del Marcello Bergamo MTB Cup è toccato al figlio Alessio:” E’ un onore e una responsabilità enorme ereditare questo patrimonio di di valori che mio padre aveva tatuati nel cuore, ringrazio a nome mio personale e della nostra famiglia  tutti voi per   tutto l’affetto che  ci dimostrate ogni volta”! Anche il Primo Cittadino , la  Dott.ssa Giuseppina Berra e l’assessore allo sport Daniel Dibisceglie  hanno speso parole davvero delicate per Angelo Gizzi  tanto che  già si pensa ad uno studio per rendere il percorso di gara permanente e fruibile per tutti coloro che vogliono camminare e/o pedalare nel Parco dei Mughetti che sarà intitolato ad Angelo Gizzi. Sul fronte gara c'è da dire che le avverse condizioni atmosferiche e la concomitanza, che è una costante di questa gara, con ben due gare nel raggio di pochi chilometri hanno tenuto lontano la partecipazione  che meritava, pochi ma buoni e  la parte del leone l’ha recitata il fuoriclasse Lele Tacchinardi (veterani  2) che realizza il miglior tempo assoluto dei giovani. Il giovane ed educatissimo  Junior Christian Rizzotto ci ha regalato una lezione di altruismo esemplare sul rispetto dell’avversario che, per quanto lo riguarda,  non è mai un nemico ma un concorrente da battere lealmente sul campo.  Si trovava in un gruppo di sette/otto veterani e con lui c’era anche il suo avversario diretto Manuel Ballini il quale a metà gara incappa in una foratura e deve fermarsi a mettere il fast nella ruota, poteva restare con i veterani e vincere…facile e invece lo ha aspettato e s’è rimesso a battagliare con l’amico/rivale! Risultato: Ballini vince la gara ma Christian , per quanto ci riguarda , vince la coppa del mondo dell’altruismo e del rispetto. Bravo Christian, oggi ci hai dato una grande lezione di lealtà! Il veterano 1 Luca Aguzzi coglie una strepitosa vittoria dopo essere stato sempre in fuga con Cosimo Strada, Antonio Mazzuero e Marco Valassina,  finiti nell’ordine, producendosi in una lunga volata pescando nell’orgoglio e nelle ultime riserve per guadagnare 3 secondi preziosi, quanto basta per alzare le mani al cielo senza patemi, stesso identico discorso per il gentleman 2 Flavio Fumagalli che con questa affermazione è autorizzato a sognare per aver battuto, anche se solo in volata, il capoclasse di categoria Flavio Severico. Armonia, forza  e concentrazione  sono gli ingredienti necessari se si vuole raccogliere quanto si semina. Queste le credenziali che ha mostrato di possedere il gentleman 1 Michele Albertolli dopo aver battagliato per tutt'e cinque i giri con Marco Vacchini e il sorprendente Antonio Cazzato. Niente di nuovo nei super  A e super B, a vincere sono sempre loro , Claudio Biella e Lucio Pirozzini che mangiano pane e bicicletta e sulla loro tavola non manca mai neanche ... na scianta de vin bon. Le pedalate rosa? Tutte insieme appassionatamente, dall’inizio alla fine! Nessuna prevale sull’altra e alla fine è volata generale, tutt'e  sette racchiuse in due soli secondi e a prevalere sono la donna A Ilaria Rocca  e la donna B rosella Bazzarello che offrono una giornata magica ai loro dirigenti della formidabile Media Team Bike e ai loro numerosi tifosi. Le altre vittorie vanno ai senior 1 è 2  Antonio Longo e Roberto Leccadito, gloria anche per i più giovani  Alessandro Tonati e Luca Mazzuero. Un sentito e sincero ringraziamento va alla ditta Prefabbricati Rotondi per la gentile disponibilità che nonostante c’era da festeggiare il 60° di matrimonio del capostipite Carlo con la  colonna sonora della sua vita Piera in un noto ristorante della zona, ci ha aperto le porte dell‘azienda e del cuore per ricordare un uomo, Angelo Gizzi, che valeva come l’oro puro.

Carmine Catizzone