CIGLIANO 2/2/2020

ENTUSIAMO E PASSIONE A CIGLIANO NEL MASTER CSAIN DI CROSS

 ENTUSIAMO E PASSIONE A CIGLIANO NEL MASTER CSAIN DI CROSS   La stagione di ciclocross sta volgendo al termine ma l'entusiasmo e la voglia di gareggiare è ancora immutata come all'inizio. E' il 2 febbraio ed il calendario ci dice che ricorre la festa della "Madonna CANDELORA" e c'è un vecchio proverbio che dice: Candelora candelora, siamo dentro o siamo fora? Se fa ne vent e ne ora dall'inverno siamo fora, ma se piove o tira vento, nell'inverno siamo dentro. Bene, allora potremmo tranquillamente dire che l'inverno ce lo siamo lasciati alle spalle visto le temperature quasi primaverili ed in parecchi, oggi, hanno gareggiato con completo estivo. Consiglio comunque di non archiviare calzamaglia e giubbotto imbottito ... non si sa mai. Sono le 13.30 quando la prima ondata della centuria di ciclopratisti è pronta al via. Scattano per primi junior e senior. i veterani un minuto dopo. Fin da subito si forma un quartetto al comando composto da Ruìiccardo Acuto, Stefano Martinotti, Riccardo Ornaghi, Marco Torreano e Gabriele Domini.  Un po di tira e molla ma i 4 rimangono insieme fino al quarto degli otto giri in programma. E' proprio all'inizio del quinto passaggio che gli equilibri saltano perché Torreano è rallentato da una foratura e Ornaghi ne approfitta per aumentare il ritmo e sgretolare la concorrenza. La cosa gli riesce e gli permette di arrivare in perfetta solitudine vincendo tra i senior2 precedendo Domini, primo sen1, Torreano primo junior e Martinotti. Seguono Raffaele Pionna, Marco Chiocchetti,  Federico Livieri e Stefano Valsesia.  Ad un minuto, partono i veterani e qui ci pensano Bruno Dellerba  e Antonio Longo   a movimentare la gara. I due viaggiano insieme fino al quinto degli otto giri in programma quando Bruno Dellerba decide di aumentare la cadenza e saluta la compagnia. Da dietro ci provano Marco Segnati e Manuel di Manueo Di Prima   a ricucire con il gruppo, ma la velocità non è sufficiente e la loro ricorsa non sortisce l’effetto sperato. E si arriva all’epilogo. Bruno Dellerba (V2) vince in perfetta solitudine precedendo Antonio Longo, primo V1 e, nell’ordine Marco Segnati, Manuel di Prima, Pietro Destefano   ed Igor Ricci. E si va a gara 2 con i gentleman 1 a scattare per primi, seguiti da gentleman 2, supergA, b, donne e primavera Bella e combattuta la gara dei G1 con un quintetto al comando composto da Fulvio Bernardon, Paolo Reviglio, Mauro NOvelli,, Massimo Salone e Riccardo Barbero.  Natalino Pagliughi insegue a pochi secondi. Mauro Novelli mena le danze per i primi 2 giri dando l’impressione di potersene andare, ma non ha fatto i conti giusti e gli altri 4 non concedono spazi. A metà gara si ritira Massimo Salone per problemi al cambio che …. non cambia, Mauro Novelli cala il ritmo e subito Fulvio Bernardon e Riccardo Barbero passano davanti a fare l’andatura, Paolo Reviglio   insegue. Sulle dure rampe del tiro a volo Riccardo Barbero si esalta e costruisce il suo vantaggio che amministra nei tratti pianeggianti fino all’arrivo vincendo la sua seconda gara stagionale, alle sue spalle giungono un ottimo Fulvio Bernardon, poi Mauro Novelli affaticato ma felice per il podio conquistato, quindi Paolo Reviglio, supportato dal gran tifo del team alpina bikecafè, Natalino Pagliughi sempre più a suo agio con le strette ruote tassellate, Alessandro Schiantarelli ed il Funtos man Luca Buarotti. Massimo Zappa pare aver ritrovato il colpo di pedale di inizio stagione e si impone tra i G2 precedendo Riky Acuto che continua il recupero dopo l’incidente di fine dicembre, seguono Gianmarco Guglielmino, Roberto Stagnoli, Valter Cossetta e Francesco Violi. Claudio Biella è uno dei più forti e seri amatori sulla piazza, è il cannibale stagionale che, italiano a parte, ha lasciato solo le briciole agli avversari. Anche oggi non concede nulla a Salvatore Gelli,   piazzato in seconda posizione, a Pieropaolo Mezzo,   3° all’arrivo, ad Antonio Scanziani e Winta Fong. Livello altissimo tra i superg B e le attese non sono andate tradite. Vince il solito Giovanni Fedrigo ma Elia Ferruccio    ci è andato vicino, molto vicino tanto che la gara si è risolta praticamente in volata. Giannino Succo si prende il terzo gradino del podio precedendo Angelo Pionna, Gianni Roncon e Matteo Petrucci. Universo femminile governato da Laura Vecchio che vince tra le giovani A davanti ad Rocca Ilaria   mentre, tra le B si impone l’altra cannibale stagionale Rosella Bazzarello su Patrizia di Massimo, Simona Massaro ed Elena Bargero. E che dire dei “monelli” di Max Curioni che anche oggi hanno movimentato la gara dei giovanissimi primavera con un’altra vittoria per Fabio Mungo davanti a Stefano Barbato, Matteo Tondina, Davide Cristina, Alberto Tonati, Chiara Degaudenzi e Marco Lavarini. Il ristoro, consumato nell’ampio ed accogliente salone del “tiro a volo delle alpi” con cioccolata calda e fragranti biscotti, fa da preludio alle premiazioni con borse di prodotti vari per tutti i premiati. Ricordo che domenica prossima si concluderanno il master CSAIn di CX, la coppa Piemonte ed il campionato Biella Vercelli. Essendoci molte premiazioni da fare, gli orari sono stati anticipati. Il ritrovo sarà dalle ore 09.00, i giovani partiranno alle 10.30 e verso le 11.30 sarà la volta dei diversamente giovani, seguirà un ricco ristoro con polenta eeeeee……. E per finire le premiazioni dei vari circuiti.     GIANNI RICONDA