MAGGIORA 23/04/2017

CIOCCA, ALBERTOLLI, ZANOTTI E AGOSTINONE I TOP GUN DI MAGGIORA

CIOCCA, ALBERTOLLI, ZANOTTI E AGOSTINONE I TOP GUN DI MAGGIORA

E’ sempre difficile e complicato cominciare una domenica di ciclismo quando il cuore è in subbuglio per il lutto di un grande sportivo quale era Michele Scarponi chiamato a scalare la vetta del Paradiso in modo così assurdo e improvviso e quel lungo e fragoroso applauso dei ragazzi radunati nel paddock dell’autodromo di Maggiora , pronti a lottare per il trofeo “Città del Vino”, ne è l’immagine più eloquente. Il presidentissimo operaio Alberto Filippini col suo vocione fermo e autoritario fa scattare i giovani e subito intuiamo che sarà spettacolo per via dei nomi dall’altissimo spessore specifico che prendono il comando. Prendiamo per esempio la gara dei senior 2, vietata ai cardiopatici, dove il duo delle meraviglie Ciocca e Canal, si esibisce in un misto di classe e spettacolo che sembra l’icona perfetta della lealtà sportiva, qualità non rara del nostro master MB Bergamo Cup. Radio corsa li segnala sempre insieme, nessuno riesce a staccare l’altro, il cronometro ci dice che stanno realizzando i miglior tempi assoluti e alla fine, con una volata perfetta e pulita, emerge di un niente il potente Ivan Ciocca ma Andrea Canal c’è e sembra un … top gun. Senza storia la gara del veterano 1 Stefano Zanotti, domina da par suo e infligge distacchi abissali agli incolpevoli Luca Aguzzi e al cardiologo Antonio Mazzuero che non possono fare altro che certificare che le lancette che scandiscono il tempo dello svizzero sono precisissime come quelle di un Bulova. Polmoni, gambe, cuore e soprattutto testa, hanno consentito al maresciallo Domenico “ Maciste” Agostinone di infilarsi al collo la quinta ( su cinque) perla al collo. Che fosse forte già lo sapevamo ma, così determinato e concentrato è una splendida realtà anche per noi addetti ai lavori e per i suoi più ostici avversari, oggi Andrea Ganassi e Claudio Castelletti ma, anche lo junior Bianco Federico non scherza e anche a Maggiora fa il pieno di autostima dominando su Manuel Ballinetor e Alessio Salvemini, gente tosta! Mattia Torraco, senior 1, è di casa a Maggiora, è amico fraterno del fenomenale Nico Valsesia e come lui è malato di sport estremi. In passato è stato campione internazionale di Quod e oggi è un ottimo triatleta europeo che in bici si difende alla stragrande tanto che ha fatto dannare il capoclasse di categoria, Paolo Bovio, per poi presentarsi tutto solo, per la gioia di suo padre e primo tifoso, con un minuto di vantaggio sui tappeti elettronici di zio Poletti . Chapeaux! Un velo di tristezza accompagna l’impresa di battere il fenomenale Carmelo Cerruto e subito dopo l’arrivo da vittorioso ci spiega il perché:” Io , Michele Albertolli, gentleman 1, con Michele Scarponi ci ho corso da Elite e sono sconvolto per la sua disgrazia, la mia vittoria la dedico a lui e alla sua famiglia”! Invece Massimo Valsesia, gentleman 2, con Scarponi non ci ha corso ma ne seguiva le gesta e come lui è generoso, in corsa e fuori ma non commettiamo l’errore di pensare che oggi sia stato facile vincere, a contrastarlo c’era un avversario con i contro fiocchi qual è Enzo Moiana che in federazione fa stragi di successi. Bum Bum ha perso! Sarebbe una notizia clamorosa se non fosse che a fermarlo è stata la rottura della sua bici e allora è lesto Gabriele Miazza ad approfittarne ma bravissimo è stato anche oggi il primavera Andrea Belotti, imbattuto e sorridente per aver domato un forte Leo Cerutti che ha tutte le carte in regola per ritagliarsi un posto al sole. Il trionfo della categoria super A sta tutto nel sorriso smagliante del leader di categoria Giuliano Garlaschè, splendido artefice di una fuga solitaria che ha entusiasmato il suo patron Giulio Moretti che di campioni se ne intende. Assente il gatto … ne approfittano gli altri, stavolta è il turno di Giuseppe Rondi a calarsi nei panni scomodi di Lucio Pirozzini, operato ad una spalla, e dignitosamente fa sua la gara battendo il calorosissimo Paolo Carozzi e il capellone Giuseppe “ Cochise” Calcaterra . Bene anche le donne Claudia Peretti e Daniela Di Prima. Termina con un corposissimo pasta party questo trofeo “Citta’ del Vino” valido anche come seconda prova Trofeo Elvis Gomme , circuito delle G.F. del nostro master e in cima alla lista dei vincitori vediamo nomi di prestigio, eccoli: Belotti, Miazza, Ballinetor, Bovio , Salmoiraghi, Zanotti, Agostinone, Valsesia, Garlaschè, Calcaterra, Vecchio e Di Prima, tutti fotografati al cospetto di Miss Virginia.
Carmine Catizzone