MIASINO 26-03-2017

MIASINO INCORONA VALSESIA, PIROZZINI, MAIUOLO E BUM BUM

MIASINO INCORONA VALSESIA, PIROZZINI, MAIUOLO E BUM BUM

Non si sono fatti  mancare proprio nulla gli abili organizzatori del Team Pettenasco nella terza prova del Master Mb Bergamo Cup, infatti, otre al bellissimo e duro  percorso , hanno ... ottenuto anche un’abbondante pioggia e perfino un tir con rimorchio incastrato, grazie al Tom Tom, sul ponticello romanico che ha obbligato il buon collaboratore Max Curio e tutti gli uomini di patron Massimo Knutti a modificare il percorso poche ore prima dell’evento, un thriller di cui avrebbero volentieri fatto a meno. La giuria di Novara, precisa, puntuale e convincente, abilmente diretta da Alberto Filippini, dà fuoco alle polveri puntuale come il Big Ben londinese e subito gli junior danno spettacolo grazie a due baldi giovanotti, Matteo Bertolami e Nicholas Turetta, che non soffrono certo di vertigini d’alta quota ma sul finale di gara è il più lesto Bertolami che si presenta solitario sui tappeti elettronici di zio Renato Poletti  con mezzo minuto sul validissimo rivale e due sul promettente Simone Naldi. Che il senior 1 Roberto Busatta fosse in forma già lo sapevamo, che avesse la gamba rodata dal ciclocross anche, ma che fosse in grado di dominare, tipo Sagan, è una piacevole sorpresa per tutti, anche per il suo giovanissimo team Mazzucchelli Racing che stapperà lo spumante  in sede per festeggiare ma chi ha davvero entusiasmato, come sempre, è stato il potentissimo Senior 2 Alessandro Maiuolo che fa esattamente ciò che vuole, decide lui quando aprire il gas e lo fa in modo perentorio anche se ad insidiarlo sono  il forte Dieguito Salmoiraghi e il federale Davide Belletti.  Finalmente libero da sfortuna e recuperata la forma dei giorni migliori, si prende una bella boccata di autostima anche il fortissimo veterano 1 Stefano Zanotti. Suo il secondo miglior tempo assoluto e la vittoria di categoria, con tre minuti di vantaggio sui pur bravi Davide Vezzoli e Davide Pagliano che sportivamente plaudono e cercano rivincite. Che gara il graduato Beniamino Scappaticci, ha vissuto una domenica indimenticabile e grazie ad una condotta di gara esemplare, condanna ancora al secondo posto consecutivo il longilineo Skorpione Marco Dell’Angelo che si consola con la leadership nella generale del master. Non è abituato a non vincere per due giornate di fila il “Cow Boy “ Carmelo Cerruto, l’amatore della porta accanto, quello che proprio non riesce a fare il divo anche se ne avrebbe tutti i diritti, ma proprio non gli riesce, non è portato e zitto zitto lavora sodo, si applica in allenamento e poi ammazza la gara, alla sua maniera, infliggendo distacchi importanti all’umilissimo Roby Pasin e Alex Notarnicola e si riprende pure la testa della classifica per la gioia dell’HR Team del Presidentissimo Biagio Celozzi. Sarà un anno, quello attuale, che Massimo Valsesia non dimenticherà mai. Siamo a fine Marzo e non ha ancora perso una gara e se guardiamo la classifica dei gentleman 2 vengono i brividi: sette minuti al secondo, Alessandro Albieri, e quasi dieci al terzo, Claudio Biella che allarga le braccia e spera almeno in un calo, improbabile,  del pompiere di Paruzzaro che indica la via maestra anche al compagno di squadra e super A Giuliano Garlaschè. Non c’è bisogno dei tre canonici indizi per fare una prova, il super B Lucio Pirozzini è la prova provata che è lui l’assassino della sua categoria. E basta! Ogni giudice Acsi può ribadire che è lui il killer , non c’è gara che non venga … violentata da questo super atleta e quella di Miasino non sfugge alla sua legge, lo sanno bene Matteo Petrucci e Paolo Carozzi giunti nell’ordine.  Stessa identica cosa si registra fra i debuttanti dove i pur volitivi Miazza Gabriele e Jacopo Barbotti , spinti dall’orgoglio, sbattono sulla muraglia invalicabile eretta dal fenomenale Bum Bum  Ballini. La nidiata dei primavera è quasi tutta Bilake e il loro leader è Andrea Belotti che vince anche oggi  e già fissa nuove mete, sempre che Leo Cerutti e Alessandro Tonatti , anche oggi a podio, siano d’accordo. Infine le donne, nelle mademoiselle è la scalatrice locale Claudia Peretti a doninare su Elisa Tisti e Laura Vecchio mentre fra nelle donne B è Kathrin Oertel  a portare a casa i fiori del primato. Anche questa prova, bagnata ma affascinante è andata in porto grazie alla Pro-Loco  presieduta da Antonio Colzani, ai trenta volontari dislocati lungo il percorso e ad Andrea Gattoni che ha dato l’anima per la buona riuscita dell’evento, al team Pettenasco e a Max Curioni  ma le parole più belle le pronuncia il giovane e attivissimo sindaco Giorgio Cadei : “ Lo sport del pedale è un mezzo fantastico per far conoscere le bellezze del nostro territorio e allevare giovani che altrimenti sarebbero …distratti, continuate in quest’opera  che fa bene a tutti e noi come amministrazione comunale vi saremo vicini”. Chapeaux!

Carmine Catizzone