TORNACO 19/11/2016

VALSESIA E COSSETTO AL LAGO INCANTATO DELL'OLMO

VALSESIA E COSSETTO AL LAGO INCANTATO DELL'OLMO

 

Ci sono luoghi e momenti in cui si può e si deve scrivere la storia di un movimento e in Acsi, la storia del celeberrimo Criterium Palzola,  HA scritto un’altra bella pagina  a Tornaco , sede di tappa della nona prova Palzola, dove il rapacissimo Claudio Bravini e il Presidente operaio Alberto Filippini, sono scesi in campo per il terzo anno consecutivo per addestrare  gli uomini della Vichimica governati da Elvio Cavanna  e insieme hanno disegnato  un percorso davvero gradevole tutto a nord del laghetto dell’Olmo.   Ottima la location e ottima l’accoglienza elargita a piene mani da Alessio, Fabrizio, Mariangela, Mauro e Veronica che del laghetto sono l’anima pulsante. Sfondato ancora una volta il muro dei cento partecipanti che invadono pacificamente , con buona pace delle anatre e dei cigni per nulla infastiditi dal fruscio delle specialissime. Agli ordini di “Caterpillar” Riconda, scattano dai box  i gentleman 1 e subito Eugenio Cossetto fa intendere che il playmaker è sempre lui e in un paio di giri  ammazza la gara transitando come un fulmine ai margini dello specchio d’acqua inseguito vanamente da un ottimo Di Stasio e dai  due Locatelli, Mauro e Marco,  che finiscono nell’ordine. Nei cugini  gentleman 2 è ancora Massimo Valsesia il mattatore , il quale mette in campo esperienza e carisma troneggiando per un bel quarto d’ora involandosi solitario per poi … cazzeggiare fino all’arrivo, forse illudendo Andrea Zamboni e  senza sprecare più di tanto pensando alla gara del giorno dopo, quella fascinosa di Garbagnate. Ha mal di schiena il super A Aldo Allegranza , ed effettivamente sugli ostacoli è dolorante per una sciatica ma, con mestiere e grinta, riesce comunque a portare a casa l’ennesima vittoria ai danni del vispo Giannino Succo e  al capoclassifica n Gaetano Sartor.  Quando c’è Lucio Pirozzini , il risultato è scontato! Il super B di tricolore vestito non guarda in faccia nessuno, scatta come una molla e va subito in fuga, guadagna due /tre cento metri sull’uomo più titolato di sempre, Vincenzo Vezzoli e poi si gusta gli incitamenti  del  suo team e degli amici e il bello è che risponde pure con sorrisi e battute, quando si dice  essere lucidi, la stessa identica situazione del baby fenomeno Bum Bum Ballini, tesserino da debuttante  e testa sopraffina, anche oggi è un monologo ma è anche bello da vedere in ogni angolo del percorso. Ottimo anche il senior 1 Paolo Bravini al quale il solo Marco Chiocchetti ha tentato una seria concorrenza. Il senior 2 Mauro Benetello s’è visto cinque volte nel nostro Criterium e ha assoporato per ben quattro volte il dolce gusto della vittoria ma, stavolta ha penato parecchio perché la sagoma ingombrante del golden boy Claudio Pivotto era in scia e sta crescendo. Ancora un successo e sempre più leader  nella generale l’ottimo veterano 1 Alessio Bertolotti che se l’è proprio sudata la sua affermazione , non ci stavano a lasciarlo andare  Roberto Borgonovo e il musicista Isacco Colombo e solo sul finale hanno dato il via libera. Straordinaria cavalcata solitaria del veterano 2 Vincenzo Crivellari che s’è trovato molto presto in testa da solo, esattamente quando il maresciallo  Domenico “Maciste” Agostinone s’è messo  a … litigare con la catena quando era secondo finendo  nelle retrovie  per poi inseguire e salire  fino al secondo posto,  mentre al terzo  posto si classifica un buon Fabrizio “Ridicolus” Borella. Senza storia la gara delle woman dove le due “ capitane” del Velo Club Valsesia hanno fatto valere la loro supremazia, Daniela Di Prima sulla volenterosa  Roberta Nicolini e Silvia Bertocco , che è cresciuta parecchio  nelle ultime gare, sulla più esperta e giovane Martina Galliani e Lucia Rossi. E infine ancora una convincente affermazione del primavera Andrea Belotti che anticipa i suoi amici di vita e di club Alessandro Tonati, Franco Specchia e Luca Savoia, il tutto sotto gli occhi interessati  di capitan Fabrizio Ricci. Pacchi gara e borse generose per tutti , foto a go go e applausi decretano un successo annunciato che si merita il comitato di Novara , Gianni Riconda e soprattutto Elvio Cavanna , figura storica di questo angolo di Piemonte fascinoso e contadino , habitat naturale di chi ama lo sport che gira a pedali.

Carmine Catizzone