VILLAREGGIA 22-4-2019

VITTORIE PASQUALI PER CERRUTO, TONELLO, AGOSTINONE E CASALEGNO

VITTORIE PASQUALI PER CERRUTO, TONELLO, AGOSTINONE E CASALEGNO
 

E’ stato un vero spettacolo, quello offerto dai 138 amatori che hanno deciso di scambiarsi gli auguri di Pasqua sullo spettacolare percorso di Villareggia, sede di tappa del Master Marcello Bergamo MTB Cup targato Csain che per l’occasione ha mandato in scena l’8^ tappa. Sul ponte di comando un esperto e navigato Gianni Riconda indica … la rotta e tutti hanno eseguito gli ordini ma il più diligente è stato senza ombra di dubbio il Senior 1 Alessandro Tonello che ha realizzato lo stratosferico tempone di 1h, 12’ e 42’’, troppo anche per il capoclasse di categoria Graziano Zanolla che ha dovuto accontentarsi di posare con lui sul podio. Tecnica, visione di gara, eleganza e fondo, queste le doti dello Junior Lorenzo Barilari che gli consentono di avere una spiccata confidenza con la vittoria e nulla possono fare per arginare la sua furia i pur bravi Andrea Bossi e Luca Frison, come nulla possono fare i Gentleman 1 Massimo Salone e Luciano Matarazzo quando si trovano a fronteggiare Carmelo Cerruto intento a cavalcare i suoi sogni e le sue aspirazioni di vittorie e i sei minuti di gap sono li a dimostrarlo. Il Veterano 2 Domenico Agostinone, lo sappiamo, è dotato di telepass e al suo passaggio la sbarra si alza in automatico, gli altri cercano di stargli dietro, a volte ci riescono spesso pagano pegno e anche a Villareggia la solfa si ripete e il solo Cristiano Borgo ha cercato, finche ha potuto, di mettergli il bastone fra le ruote. La sensazione, quando c’è di mezzo il Senior 2 Fabrizio Fontana, è che il destino dei suoi avversari sia già segnato. Il ragazzo di patron Cusati ha interpretato la gara con aggressività, concentrazione e pulizia di guida davvero straordinaria e nemmeno un ragazzo esperto come Richy Ornaghi ha potuto far qualcosa per stopparlo. Stessa identica situazione per i più attempati Super B dove un uomo vecchio stampo , pratico e leale come Aldo Allegranza s’è travestito da super eroe e ha dominato dal primo all’ultimo metro lasciano le briciole a Gianni Roncon e Matteo Petrucci. Battere il Super A Claudio Biella è come scalare l’Himalaya – devono aver pensato i suoi avversari- sarà anche vero ma, Claudio Gaspardino è andato molto vicino e i soli 17 secondi sono li a ricordargli che forse con un po più di convinzione poteva anche farcela. Sarà per la prossima volta ma intanto il buon Biella rimane imbattuto! L’ennesima larga, roboante e convincente vittoria del Gentleman 2 Valter Casalegno , non sorprende neanche più, semmai dobbiamo solo preoccuparci di quanti sono i minuti che rifila ai suoi amici/rivali che oggi risultano essere Carlo Gaj e Stefano Cavallin. La Fulvia Pagliughi, lo sappiamo, è una squadra viva, con l’anima e con molti atleti di valore allevati dal maestro di vita e di sport Armando Campesato, uno di questi è il Veterano 1 Luca Cuffia, un atleta dal valore cristallino che anche tra le vigne di Villareggia sfoggia una condizione davvero superlativa che … addormenta Roberto Picco e Luca Aguzzi. Una bella storia da raccontare agli appassionati di ciclismo, i quali sanno che senza persone come Karin Tosato (Donna B), il nostro ciclismo sarebbe un malato terminale. Ha lottato Karin , come una leonessa , nella vita e nello sport e ora passa all’incasso e vince meritatamente la sua seconda gara di fila applaudita da figlia, marito e tutti i presenti che hanno accolto con lo stesso entusiasmo anche la Donna A , Marta Giaccaglia e i giovani apprendisti campioni Danilo Allamanno e Simone Amadio che hanno dominato rispettivamente tra i Debuttanti e fra i Primavera. Tutti premiati , dopo un grande ristoro allestito dal Team Pedale Pazzo, con premi particolari per le corazzate Bikers Team, Pedale Leynicese e Fulvia Pagliughi e grandi applausi anche a chi ha dato l’anima per la riuscita di questo bell’evento, Cristina Tessiore , aiutata da Flavio Grua e Gigi Ena che hanno saputo gestire tutto quanto e hanno constatato che a vincere , prima di tutto, sono stati lo sport e l’amicizia, valori cari in Csain e che l’amministrazione comunale attenta di Villareggia sottolinea e sottoscrive.
Carmine Catizzone