VINOVO CAM.NAZ. CSAIN

REPORT DI UNA GIORNATA DI SPORT E AMICIZIA AL CASTELLO DI VINOVO

REPORT DI UNA GIORNATA DI SPORT E AMICIZIA AL CASTELLO DI VINOVO

Nel parco del cinquecentesco Castello della Rovere, che con la sua imponenza caratterizza il centro storico del comune di Vinovo, posto nella cintura Torinese, da giorni si respira un’aria frizzante che sa di passione, di sport e di emozione. Quel mix mistico che solo l’organizzazione dell’evento principe della stagione ciclocrossistica può portare a chi si adopera con ogni energia perché ogni cosa sia perfetta. E così arriva domenica 13 gennaio, mentre a oriente le mille sfumature del viola preannunciano il sole nascente a occidente la corona della corona alpina compare come sospesa nell'aria con le cime illuminate dalle nevi e i piedi immersi nel l'ombra ancora notturna, e nel centro di Vinovo organizzatori e giudici sono immersi nel briefing per definire gli ultimi dettagli del Campionato Nazionale Csain di Ciclocross che tra poche ore entrerà nel vivo. Il programma della giornata è di quelli molto impegnativi: sono quattro le partenze previste per suddividere le categorie, due al mattino e due al pomeriggio. Nel mezzo un’ora di libertà per permettere agli agonisti del pomeriggio di provare il percorso, e permettere a partecipanti e volontari di rifocillarsi grazie al pasta party offerto presso il cafè Rey dal dottore Roberto Marrone, vera anima e promotore della manifestazione. Infine le premiazioni, al termine di tutte le gare e del rinfresco, all’interno delle sale del Castello della Rovere.

 Ed eccoli sopraggiungere, con i primi raggi del sole nascente, i veri protagonisti della giornata, ciclocrossisti provenienti da tutta l’Italia si avvicendano alle iscrizioni, a ritirare il numero dorsale che sarà loro omaggiato in ricordo di questo Evento. I primi a schierarsi sotto l’arco del Palzola, gentilmente fornito da Carmine Catizzone sopraggiunto dal  Varesotto  per l’occasione, ed a prendere il via davanti al castello sono Supergentlemen A e B, Donne e Debuttanti, i primavera partono una decina di minuti dopo. Il tracciato non presenta dislivelli da affrontare, il parco si distende su una grande pianura, ma la sapiente esperienza di Gianni Riconda e Giancarlo Sesia, i due ideatori del percorso, ha saputo creare i giusti ostacoli che insieme all’insidia del terreno ghiacciato danno vita a una gara molto combattuta e raccontata in diretta al microfono dallo speaker Fabrizio Gulmini. Pochi giri del percorso bastano all’occhio allenato per comprendere le forze in campo: tra i Supergentlemen A Elia Ferruccio (Alpina Bikecafè) si porta presto al comando, ma alle sue spalle controlla e incalza l’indomito Salvatore Gelli (Team F.lli Oliva), cosciente che l’avversario non concorre per il tricolore. Ma il battistrada non sbaglia una traiettoria e al portacolori vercellese non resta che accontentarsi del secondo posto, che gli vale il titolo di Campione Nazionale.Tra i Supergentlemen B la battaglia del podio attraversa la pianura padana: da Lodi Giancarlo Sommariva (Speedy Bike) prende saldamente il comando, inseguito dal vercellese Matteo Petrucci del Team F.lli Oliva e terzo il tesserato torinese Augusto Bosio (As Ciclismo). Le posizioni sono definite, e a Luigino Mancin (Team Sesia) che insegue caparbio sperando di conquistare il podio, vanno l’onore delle armi e la medaglia di legno. Combattutissima la gara al femminile con l’instancabile Rosella Bazzarello (Team Media Bike) che dall’alto della sua esperienza ciclistica e nonostante l’influenza che la affligge duella per gran parte della gara con Ernestina Borgarello (PCS), finché costretta da difficoltà respiratorie dovute all’influenza cede all’avversaria il primo posto, ma conquista una meritatissima maglia di Campionessa Nazionale Csain Ciclocross 2019 davanti a Paola Bottigelli della Pro Patria Busto Arsizio.

Tra i Debuttanti successo di Andrea Campagnoli (Sport Frog Senna) che si laurea campione vincendo su Marco Novelli (Dottabike), Leonardo Donati (Tredici Scott Matergia) che vince la medaglia d’argento Csain e Alessandro Tonati (Bilake) medaglia di bronzo. Anche i Primavera danno spettacolo lungo i tornanti e le difficoltà del percorso, ma sono i portacolori della Sport Frog Senna a dominare la competizione con la vittoria di Alberto Cabrini, il secondo posto di Matteo Morelli e il bronzo conquistato da Lorenzo Cabrini, che lasciano ai piedi del podio Riccardo Matergia (Tredici Scott Matergia) e Fabio Mungo (Bilake). Appena il tracciato è sgombro si torna nella piazza centrale, che ora si è ravvivata e riempita di passanti e pubblico, per dare il via alla seconda batteria. Mentre anche il parco si riempie di pubblico, rappresentanti della Giunta Comunale e nuovi arrivi di dirigenti Csain Ciclismo da varie parti d’Italia, sono i Gentlemen 1 e 2 a dar vita alla gara. Tra i Gentlemen 1 è battaglia all’ultimo pedale tra Mauro Novelli (A.P.D. Pessionese) e il portacolori del Team Pedale Pazzo Massimo Salone che prendono subito il comando e non si risparmiano dando agli spettatori uno spettacolo memorabile. Sul traguardo vittoria e titolo nazionale sono di Mauro Novelli, e per Massimo Salone un più che meritato argento davanti a Paolo Reviglio (Alpina Bikecafè) e Davide Novelli (Dottabike). Dominio lombardo nei Gentlemen 2, tra i quali Marco Gipponi (Bike&Run Crema) impone la sua forza e conquista il titolo nazionale davanti a Roberto Rizza (Team Sesia) e Dario Fontaneto (Gac Valdengo). E’ tempo di fare una pausa, i locali del Rey Cafè sono pieni di vita e colmi degli aromi delle lasagne, della pasta al sugo e della salsiccia con polenta che compaiono brevemente sui tavoli per essere presto mangiati tra un racconto di gara e un brindisi per la vittoria, ma per gli addetti al lavoro è presto tempo di tornare sul campo di gara dove stanno per prendere il via i Veterani. Inesorabile Andrea Bugnone (Sassquatc) prende subito il comando della gara dei Veterani 1 relegando gli avversari al ruolo di inseguitori, ma lo scaltro Sergio Viola (Team Media Bike) conosce l’avversario e sa che non concorre per la maglia, così mantiene il secondo posto e conquista il tricolore davanti a Marco Tosco (PCS). Medaglia d’argento per Marco Segnati (Team Finotti) e bronzo a Nicolò Dionisio (Team Sesia). Tra i Veterani 2 Bruno Dellerba (Carignano Bike), già vittima di un guasto tecnico durante la prova del percorso del sabato, non ha fortuna nemmeno in questa soleggiata domenica ed è costretto ad inseguire un indomabile Gabriele Tacchinardi (Bike&Run Crema) che vince il titolo nazionale. Al portacolori del Carignano Bike medaglia d’argento e terzo gradino del podio e medaglia di bronzo per Gabriele Melchior (Sixs Boscaro). L’ultima batteria vede affrontarsi Junior e Senior 1 e 2 , il via sotto l’arco del Palzola ha lo stesso brivido della prima partenza del mattino, il pubblico è caldo. Tra gli Junior è duello serrato, ma il traguardo accoglie con un’ovazione il neo campione nazionale Csain Riccardo Braccia (Team Sesia), che stringe sportivamente la mano all’avversario Stefano Poletti una volta terminata la competizione. Tra i Senior 1 Fabrizio Trovarelli (Bike Lab Roma), venuto dal Lazio per dare spettacolo, non delude le attese del pubblico e regala emozioni ad ogni svolta guidando abilmente il mezzo fino alla vittoria e alla conquista del titolo, inseguito da Walter Allochis (Team Idea Bici) e Gabriele Domini (A.P.D. Pessionese) che vince l’argento. Trionfo tricolore di Alessandro Donà (Bike&Run Crema) nei Senior 2, che regola Denis Sosnovchenko (PCS) e Marco Chiocchetti (Team Pedale Pazzo), vincitore dell’argento. Mentre le competizioni giungono al termine, puntualissime arrivano le teglie colme di pasta e ceci, insalata di riso, insalata russa, dolci e ottimo gorgonzola Palzola portato da Carmine Catizzone per l’occasione, e l’aroma del vin brulè e del the caldo bastano a condurre tutti i presenti all’interno del castello per godere del luculliano rinfresco offerto dall’organizzazione.

A pochi metri, nella sala delle premiazioni un video scorre mostrando sulla parete le foto odierne e le riprese effettuate, mentre ancora una volta gli addetti al lavoro sono operativi per sistemare gli ultimi dettagli e Fabrizio Gulmini da il via alla cerimonia di premiazione presentando insieme alla Coadiutrice Nazionale Csain Ciclismo Elisa Zoggia tutti i progetti ciclistici che la stagione 2019 vedrà realizzarsi in Piemonte sotto l’egida Csain: un circuito regionale di Brevetti, circuiti fuoristrada che vedranno alla guida le vulcaniche menti di Gianni Riconda e Carmine Catizzone, circuiti su strada e un campionato riservato alle sole donne sono solo alcune delle attività che vedranno coinvolte le associazioni del territorio, e lo spirito di squadra dimostrato in questa occasione da tutti i dirigenti venuti dalle provincie di Lodi e Pavia, da Biella, da Vercelli e da Verbania è l’ingrediente unico che rappresenta il movimento. Insieme a Elisa Zoggia tutti, Luigi Mantovani, Fabio Idini, Simona Dajma, Luca Buarotti, Carmine Catizzone, Maurizio De Vecchi e Gianni Riconda, vengono coinvolti nella premiazione delle varie categorie, e si mettono in gioco come hanno fatto durante tutta la giornata con entusiasmo e passione. Al sindaco di Vinovo Gianfranco Guerrini, in rappresentanza di tutta la lungimirante giunta comunale, senza il cui sostegno nulla di quanto raccontato sarebbe potuto essere realtà, viene donata una maglia tricolore e con tutti i rappresentanti comunali presenti sale sul podio per accogliere il festoso grazie della platea. Al Dottor Roberto Marrone, che con la sua innata passione per il ciclismo è una fonte inesauribile di iniziative nel comune, e a tutti i collaboratori lunghissimi applausi. Ma il boato di ovazione è tutto per i neo laureati Campioni Nazionali Csain Ciclocross 2019. Premiati loro e il podio Csain con le medaglie, si procede con la premiazione delle prime tre società classificate: vince il Campionato Nazionale il Team Sesia, e la foto sul podio si trasforma nella festa della famiglia Sesia, seconda classificata la Bike&Run Crema e terzo il Pedale Pazzo. La cerimonia procede con le premiazioni di categoria che chiamano al palco tutti i partecipanti, e infine con ulteriori 10 premi a sorteggio tra tutti gli iscritti offerti da Gios, noto marchio di biciclette. E’ ormai buio quando riprendiamo la via del ritorno, il sole, stanco come tutti noi, si è ritirato a riposare dopo una lunga giornata che resterà indelebile nei nostri ricordi.

COMUNICATO STAMPA CSAIN